Casa » Storie di Missione » Il cuore di Dio è per la riconciliazione

Il cuore di Dio è per la riconciliazione

Rachel avvicina le persone a Cristo organizzando e guidando il culto per le riunioni del ministero del college JMU.

By Rachel Janney

Rachel JanneyCrediamo davvero che Dio sia l'agente primario della missione? Se devo essere trasparente, non credo di averci creduto fino a quando non sono stato invitato a rifletterci sopra per questo articolo. Non possiamo credere pienamente in qualcosa a meno che non abbiamo una sorta di comprensione di ciò che stiamo tentando di credere.

Come studente laureato, ho imparato che le definizioni semplici mi aiutano meglio a comprendere affermazioni difficili (o anche facili). Un agente può essere definito come una persona che agisce per conto di un'altra persona o gruppo. Essere primari significa semplicemente essere i primi in classifica. Credere che "Dio è l'agente principale della missione" è credere che Dio sia l'attore supremo nell'avanzare il suo regno qui sulla terra.

Quando comincio a riflettere sulla sovranità di Dio, mi rendo conto che Dio non ha realmente bisogno di me o di nessuno di noi. Questa affermazione deve essere dura per ognuno di noi che lotta con l'orgoglio. Tuttavia, Dio che guida questa missione mi aiuta a riconoscere che non ha bisogno di noi per realizzare i suoi piani, ma piuttosto, Dio ci invita a collaborare con lui. Personalmente, questo demolisce ogni grammo di orgoglio nel mio cuore che cerca di fare discepoli senza la collaborazione di Cristo. Questo mi permette anche di riposare nel fatto che non devo avere il controllo.
 
Rachel Janney (terza da destra) con i membri del team di adorazione presso la Divine Unity Community Church, Harrisonburg, Virginia.
Rachel Janney (terza da destra) con i membri del team di adorazione presso la Divine Unity Community Church, Harrisonburg, Virginia. Foto per gentile concessione di Rachel Janney
 
La missione di Dio è di richiamare tutte le persone a sé, attraverso la grazia salvifica di Gesù Cristo nostro Signore. Ogni singola persona su questa terra ha bisogno di Gesù in modo che possiamo essere riconciliati con il Padre e prendere il posto che ci spetta come suoi figli e figlie adottivi. Dio vuole che tutti siano salvati e comprendano la verità (1 Timoteo 2:4). Il cuore pulsante della sua missione è espresso in Matteo 28-19 quando Gesù dice ai suoi discepoli: «Andate dunque e ammaestrate tutte le nazioni, battezzandole nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, e insegnando loro ad obbedire a tutto ciò che vi ho comandato. E sicuramente io sono sempre con te, fino alla fine dei tempi” (NIV).

Quando leggo la Bibbia, vedo che il cuore di Dio è sempre stato che il suo popolo si riconciliasse con lui. In tutto l'Antico Testamento leggiamo storie su come Dio richiami costantemente l'umanità a sé. Il Salmo 53 è un solido esempio della leale ricerca di Dio. Un altro esempio è la promessa del patto del Signore a Davide in 1 Cronache 17, che ci promette che Gesù è il Figlio di Davide e che il suo regno durerà per sempre.
 

Dio non ha bisogno di noi per realizzare i suoi piani, ma piuttosto ci invita a collaborare con lui.

 
La verità è che Dio è stato fedele al suo popolo. Dio ci ama radicalmente di un amore che è eterno (Geremia 31:3). Meglio ancora, l'intera Bibbia indica colui che ci riconcilierà con Dio per sempre. Le nostre vite sono state cambiate per sempre da questa riconciliazione, che tutti meritano di conoscere.

La missione di Dio mi ha aiutato a capire che non vivo più per me stesso. Crescendo, non mi è mai stato insegnato che il cuore di Dio era per la salvezza di tutte le persone. Ero concentrato solo sulla mia vita e mi assicuravo di non finire all'inferno. Ma Dio ha cambiato radicalmente il mio cuore per il popolo di Dio quando sono arrivato al college. Ora capisco che vivo per accrescere il regno di Dio qui sulla terra.

Mi è stato ricordato che la missione di Dio è più grande della mia quando Dio mi ha chiamato a rimanere a Harrisonburg dopo il college per svolgere il ministero. Sapevo che Dio mi aveva chiamato al ministero vocazionale da quando sono stato salvato nel 2017. Tuttavia, scappavo continuamente dalla chiamata di Dio al ministero e alle missioni semplicemente perché non volevo vivere una vita che non mi avvantaggiasse immediatamente.
 
Nel suo incarico di transend, organizza e conduce il culto per le riunioni del ministero del college presso la James Madison University, sempre a Harrisonburg, in Virginia, Foto per gentile concessione di Rachel Janney
Nel suo incarico transend, organizza e conduce il culto per le riunioni del ministero universitario presso la James Madison University, sempre a Harrisonburg, in Virginia. Foto per gentile concessione di Rachel Janney
 
Man mano che crescevo nel mio cammino con il Signore, Cristo mi ha chiamato a pentirmi dall'affrontare la mia vita e le mie decisioni da questa prospettiva. Una domanda su cui ora rifletto quando prendo decisioni importanti è: "Quale opzione mi permetterà di fare più discepoli?" La missione di Dio dovrebbe essere sempre più grande della nostra missione personale.

La missione di Dio sarà per sempre la mia missione e dovrebbe essere per sempre la nostra missione: collaborare con Dio per far avanzare il suo regno qui sulla terra. Mentre continuiamo a perseguire missioni nelle nostre varie vocazioni, vi incoraggio a lasciare che Dio guidi la vostra ricerca. Prego che, come popolo di Dio, non lo perdiamo mai di vista. Possiamo noi sentirci confortati, sostenuti e incoraggiati dalla guida di nostro Signore.


In collaborazione con Every Nation Campus, Rachel Janney funge da leader del culto per le riunioni del ministero universitario presso la James Madison University, Harrisonburg, Virginia.