La missione di Dio ha una chiesa

Pubblicato il 27 febbraio 2023 da Personale di VMMisions

L'attuale cambiamento culturale è un'opportunità per permettere a Dio di rimodellare e riformare noi per diventare la chiesa missionaria che Dio intende.

Di Howard Miller

Howard MillerMentre il nostro mondo è tormentato da uno straordinario cambiamento culturale, la chiesa si trova in uno stato di profondo disorientamento. Sfortunatamente, la risposta della chiesa è stata spesso di lotta o fuga. Non è questa la strada stretta a cui siamo chiamati. Il nostro disorientamento, così come lo stesso rapido cambiamento culturale, richiedono che la chiesa trovi una fedele via da seguire.

Cos'è quel modo? Credo che lo troveremo abbracciando fermamente il regno del regno di Dio e abbinandolo a una solida comprensione del carattere missionario di Dio.

Dobbiamo iniziare, infatti, abbracciando che Dio è, per sua stessa natura, un Dio missionario. Ciò significa che la missione è un attributo essenziale di Dio: nostro Padre ci persegue, offrendo una relazione restaurata e la riconciliazione con la sua creazione, al di là di tutte le barriere e fratture. La maggior parte di noi non considera mai la verità di questo! Il racconto biblico ci indica questa immagine della natura di Dio. Nella Genesi, il Signore ha fatto il mondo perché è un Dio missionario! Sebbene sia sufficiente a se stesso, Dio ha scelto di creare un mondo abitato da persone in modo che potesse relazionarsi con esseri al di fuori di se stesso. Quando il peccato è entrato nel mondo, Dio ha promesso di redimere e rinnovare tutta la creazione.

Questo Dio missionario chiamò Abramo e promise che i suoi eredi sarebbero stati una benedizione per il mondo, e poi mandò Abramo in una terra promessa. Nell'Esodo Dio ha portato la liberazione a Israele, incaricandoli di vivere come popolo di Dio culturalmente contrastante. Attraverso i profeti Dio ha continuamente testimoniato la luce futura che sarebbe stata per tutti gli uomini.

Nel Nuovo Testamento, Matteo annunciò un Salvatore che aveva donne gentili nel suo albero genealogico, era adorato da studiosi stranieri, dichiarò che questo "vangelo del regno sarà predicato in tutto il mondo in testimonianza a tutte le nazioni" (Matteo 24: 14), e concluse dando un incarico mondiale di andare in tutto il mondo.

 
Mappa di preghiera VMMissions
 
Lo scopo della chiesa cambia radicalmente quando iniziamo a dire che Dio è un Dio missionario. Gesù è l'incarnazione della missione di Dio, e nel Vangelo di Giovanni Gesù si identifica come "inviato" quarantanove volte separate. Poi, verso la fine del Vangelo di Giovanni, dice: “Come il Padre ha mandato me, anch'io mando voi” (Giovanni 20:21). Con questa visione arriviamo a capire che non è che la chiesa abbia una missione, ma piuttosto che la missione di Dio ha una chiesa.

L'impatto di questa verità è profondo per l'identità e la natura della Chiesa. La chiesa di questo Dio missionario deve quindi essere una chiesa missionaria. Questa chiesa si riunisce per il culto e poi viene inviata nel mondo per vivere come visse Cristo. È l'incarnazione di Gesù che modella la via del regno di Dio, che deve essere emulato dalla chiesa.
 

Lo scopo della chiesa cambia radicalmente quando iniziamo a dire che Dio è un Dio missionario.

 
Gesù ha iniziato il suo ministero terreno proclamando “il regno è vicino, convertitevi e credete…” (Mc 1). Gesù quindi uscì e iniziò a insegnare, guarire e liberare dall'oppressione demoniaca, dimostrando la via del regno.

Gesù ha manifestato la volontà del Padre rinunciando al potere mondano, sostituendolo con la presenza e il servizio. Nell'incarnazione di Gesù Cristo, Dio si è rivelato come Colui che è con e per la sua creazione. Ora, mentre il Signore risorto invia il suo Spirito per potenziare la chiesa, siamo chiamati a diventare il popolo di Dio presente nel mondo, con e per il mondo.

La storia della nostra chiesa è modellata dall'eredità della cristianità: la chiesa che si allinea con il potere politico per proteggere e mantenere la nostra posizione nella società. Questo è molto diverso dal comprendere la chiesa che si sta formando come una chiesa missionaria la cui chiamata è quella di essere incorporata come "inviati" nelle nostre società. L'attuale crisi presentata dal cambiamento culturale è un'opportunità per permettere a Dio di rimodellare e riformare noi per diventare la chiesa missionaria che Dio intende.

Come pastore, cerco di modellare questo modo di discepolato per il popolo di Dio. In primo luogo, prego per il mio cambiamento di identità, affinché io sia formato come missionario proprio dove sono. Incluso in questa preghiera è che io sia inviato a coloro che sono spiritualmente affamati. Dio ha risposto a questa preghiera inviando prima una e poi molte persone con dipendenze, ferite, abitudini e problemi.

In secondo luogo, ho creato una dichiarazione di intenti per la mia vita: "Sono un impegno vivente per coinvolgere un mondo profondamente diviso attraverso l'amicizia spirituale". Essere un amico spirituale mi porta ad essere presente, ad ascoltare ea credere che lo Spirito di Dio parla e attira le persone in modi che non riesco a vedere. Con fede chiedo a Dio di mostrarmi come lo Spirito è all'opera nella vita di una persona.

In terzo luogo, vivo il quotidiano con la profonda sensazione di rappresentare il popolo di Dio, chiamato ad essere segno (Dio è all'opera, redimendo il mondo), assaggio (è iniziato il regno del regno) e strumento (vivendo la via del redenzione), del regno di Dio.

Seguiamo Cristo, l'inviato, nella vocazione stessa di Dio. Possiamo noi, come chiesa del nostro Dio missionario, imparare a seguire il suo invito di "mandato" in modo da poter proclamare sinceramente come ha proclamato Cristo, "il regno è vicino, pentitevi e credete alla buona notizia".


Howard Miller è pastore della Huntington Mennonite Church a Newport News, in Virginia.

Archiviato in: tutti gli articoli, News, Trasformare

NEWSLETTER EMAIL

Iscriviti a una newsletter via e-mail con Aggiornamenti, notizie ed eventi di VMMisions or vedere un elenco delle nostre altre newsletter via e-mail.