Invito alla preghiera: pregare insieme è un successo

Pubblicato il 7 novembre 2022 da Jon Trotter

Pregare insieme è la sua risposta? Alla ricerca di risposte in futuro, potremmo non accorgerci di ciò che si sta realizzando nel presente.

Di Carol Tobin

Quando Skip ed io stavamo concludendo i sette anni trascorsi alla guida del nostro team di missione a Det Udom, in Thailandia, c'è stato un incidente pungente che non dimenticherò mai.

La mia compagna di squadra Kara (nome cambiato) e io ci guardavamo sobriamente: mogli e madri con viaggi paralleli in quei sette anni insieme. Entrambi abbiamo avuto figli da madre, resistito a malattie, ostinatamente istruito a casa e sopportato la solitudine. Ma poiché abbiamo lottato in modi molto diversi, ognuno è sempre stato un enigma frustrante per l'altro. I giudizi dolorosi e l'amara delusione che eravamo stati l'uno per l'altro erano fortemente sospesi tra di noi.

E così abbiamo espresso l'inevitabile domanda: "Ne è valsa la pena?" Un triste abbraccio. Non era una domanda a cui nessuno di noi era disposto a rispondere. Eravamo entrambi così stanchi.
 
Carol e Skip Tobin parlano con gli amici a Det Udom, Thailandia, nel 2006. Per gentile concessione di Carol TobinCarol e Skip Tobin parlano con gli amici a Det Udom, in Thailandia, nel 2006. Foto per gentile concessione di Carol Tobin.
 
Qualche mese dopo è arrivata un'altra esperienza, che è rimasta con me in questi tanti anni. Ci siamo trasferiti negli Stati Uniti e siamo stati accolti calorosamente a Harrisonburg, in Virginia.

Una sera, durante una grande riunione di preghiera, ho scansionato la stanza alla ricerca di volti familiari. Ma come potrebbero esserci volti noti? Eravamo troppo nuovi per conoscere o essere conosciuti. Mentre pregavamo, un feroce desiderio si alzò nel mio cuore. Non vedevo l'ora di vedere i miei compagni di squadra! Il desiderio di vederli è diventato così forte che è diventata una preghiera che quasi mi aspettavo di ricevere una risposta immediata, come se potessi girarmi e loro sarebbero stati! li conoscerei; mi conoscerebbero. E, soprattutto, pregavamo insieme! Che gioia sarebbe!

In assenza del crogiolo della vita all'interno della nostra équipe, mi sono finalmente reso conto che avrei desiderato per sempre il dolce gusto specifico della preghiera con fratelli e sorelle vicini, portando gli stessi fardelli, vivendo e desiderando le stesse risposte alle stesse preghiere .

Avevo scoperto che esiste una cosa come l'unità del cuore, abbastanza potente da trascendere le difficoltà e da permetterci di resistere alle incompatibilità presenti nelle nostre relazioni.

Il Salmo 133 ci ricorda: «Com'è buono e soave, quando il popolo di Dio vive insieme nell'unità!». Forse siamo portati a pensare che questa unità si riferisca alla facilità di stare semplicemente con persone che ci piacciono, o meglio persone che sono come noi! Ma cosa accadrebbe se l'unità fosse forgiata da qualcosa di molto più feroce? E se l'unità si fondasse anzitutto sul comune desiderio di realizzare i propositi di Dio?

È stata l'enorme potenzialità dell'unità di intenti andata storta che ha reso necessaria la dispersione a Babele. E ora, grazie a Dio, siamo stati radunati di nuovo e siamo invitati a una nuova esperienza di unità mentre abbracciamo collettivamente la potenza stessa dello Spirito in mezzo a noi. Come corpo, possiamo permettere a Dio di usarci per i propositi di Dio che verranno sempre «non con potenza né potenza, ma mediante il mio spirito, dice il Signore degli eserciti» (Zc 4).

Quest'anno ho avuto la fortuna di partecipare a diversi gruppi di preghiera in cui percepiamo questa feroce forgiatura. Non è l'amicizia o una fase comune della vita, o anche convinzioni simili su particolari questioni politiche che ci uniscono. Piuttosto, godiamo di una capacità straordinariamente corroborante di accettare che gli scopi missionari di Dio siano realizzati in un contesto particolare a cui tutti noi teniamo profondamente.

Impariamo a cercare questo tipo di unità! Perché questo non è "successo?" Questo riunirsi per pregare e cercare la volontà e la via di Dio non è una “risposta” in sé e per sé? Dopo il passare degli anni, è la risposta che io e il mio compagno di squadra possiamo riconoscere con grazia e gratitudine: "Sì, ne è valsa la pena!"

Archiviato in: tutti gli articoli, Trasformare

NEWSLETTER EMAIL

Iscriviti a una newsletter via e-mail con Aggiornamenti, notizie ed eventi di VMMisions or vedere un elenco delle nostre altre newsletter via e-mail.